Perché l'uovo del curato?

Il nome di questo blog è legato a una vignetta satirica dello scrittore George du Maurier intitolata "True Humilty", apparsa nel 1895 sulla rivista inglese Punch:
Vescovo: "Signor Jones, temo che le sia capitato un uovo guasto."
Curato: "Oh no, signor Vescovo, le assicuro che in parte è eccellente!"
La vignetta ha avuto un tale successo che l'espressione "to be like the curate's egg" è tuttora in uso nella lingua inglese e designa due concetti correlati ma opposti, a seconda che si vogliano interpretare le parole del curato in senso eufemistico o letterale:

- una cosa irrimediabilmente corrotta in ogni sua parte;
- una cosa per lo più corrotta, ma parzialmente buona.

Mi sono innamorato di questa espressione la prima volta che l'ho letta e ora non posso più farne a meno. E se questa spiegazione non vi dovesse bastare, ricordate le parole del sommo poeta Giovanbattista degli Orazi:

...non v'è cosa ne' Cieli o ne'l Creato
ch'un po' guasta non sia, siccome l'ovo del curato.

Nessun commento:

Posta un commento